Italia.it : la mia opinione sul sito del “paese di qualità”

Dopo anni di ritardo è stato presentato italia.it, il nostro sito del turismo o come si legge nella sezione Chi siamo dello stesso:

L’iniziativa del portale nazionale del turismo Italia.it nasce nell’ambito del più ampio programma “Scegli Italia” lanciato dal Comitato dei Ministri per la Società dell’Informazione e previsto dall’art. 12 della legge 80/2005 con l’obiettivo di promuovere e valorizzare anche sulla rete internet l’offerta turistica italiana sotto i diversi profili culturali, ambientali, enogastronomici e del made in Italy.
Italia.it è una realizzazione della Presidenza del Consiglio – Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie, supportato a tal fine dalla società Innovazione Italia del Gruppo Sviluppo Italia.

quindi non definiamolo un semplice sito ma un portale. Le critiche sono tante, in rete i commenti negativi si sprecano, ne condivido tanti, quindi non meravigliatevi se non troverete nulla di nuovo sono solo le mie impressioni.

Inizio con la cosa che più di tutte mi ha colpito, la lentezza, questo portale ha una lentezza imbarazzante, le cause sicuramente saranno tante però noto tanti, forse troppi contenuti flash e una cosa che vorrei approfondire, per realizzare il portale è stato usato JSP. Probabilmete mi sbaglio ma ricordo una comparativa in cui le sue prestazioni erano inferiori a PHP e ASP, devo però approfondire, non vorrei dire una cretinata. Il dato di fatto è che il portale è molto lento, non posso credere che i signori che hanno lavorato a questo progetto costato 45 milioni di euro non abbiano pensato alle prestazioni, i signori in questioni, leggo sempre dalla pagine Chi siamo dovrebbero essere:

Raggruppamento temporaneo di Impresa:
IBM S.p.A.
ITS S.p.A.
Tiscover
Innovazione Italia

Redazione
Direttore editoriale: Valerio Imperatori
Vice direttore editoriale: Marta Rossato
Capo redattore: Luca Palamara
Segreteria di redazione: Claudia Galletta
Redattori:
Dora Barone
Mariagiovanna Capone
Lorenzo Caputo
Giovanni Nicois

Grafica: Emilio Di Donato
Ricerca iconografica: Susy Astone

Traduzioni: Francesca Zezza

Controllo qualità:
Adriana Correale
Paolo Correale
Giuseppe Golia
Maria Lo Basso

Supporto tecnico:
IBM S.p.A.
Alessia Saleri

Recruitment: Serena Santucci

Fotografie e filmati:
Foto Alinari
Agenzia fotografica Contrasto
Agenzia fotografica Corbis
Agenzia fotografica Photopolis
Agenzia fotografica Fotolia
Ansa
Studio di registrazione Gree Movie Group S.p.A.
Studio di registrazione Cat Sound s.r.l.
Andrea Forlani

Hanno collaborato:
Studio Agorà
Claudia Buccellati
Gabriella Calò
Mauro Covacich
Marina D’Apice
Germana Luisi
Antonio Mango
Annalisa Palmieri
Espedito Pistone
Fiorella Taddeo
Marina Tagliaferri

vorrei far notare che vi è IBM S.p.a., molti TG riportano una spesa di 7,5 milioni di euro spesi su IBM e gli altri soggetti tecnologici per la “piattaforma”; la cosa mi lascia molto perplesso…

Ho poi notato una cosa forse ancora più importante della lentezza, un portale per il turismo dovrebbe a mio parere avere come fine quello di portare su di se tutta l’attenzione dei turisti, fornire tutte le informazioni utili sul paese per rendere agevole la visita del turista stesso in tutta la penisola. Si sa che la prima fonte di reperiemnto dei siti è il motore di ricerca, l’obiettivo di chiunque realizzi dei sistemi basati sul web (siti, portali, blog ecc)è quello di rendere il più possibile indicizzabile o meglio di ottimizzare il proprio sito con il fine di migliorare il posizionamento dello stesso sui motori di ricerca. Italia.it a mio parere avrebbe dovuto avere questa tra le sue priorità, provate a guardare ad esempio le URL del portale, un qualunque SEO si impiccherebbe…

Veniamo al codice, vi ho anticipato che si è usati JSP come linguaggio per realizzarlo, non vi ho ancora detto che fa pesantemente uso delle tabelle. Ricordiamo che le tabelle sono nate per la visualizzazione di dati numerici e non come nei fogli di calcolo, ricordiamo che internet è nata per scopi militari e scientifici, potete immaginare le esigenze che hanno portato all’inclusione delle tabelle nell’html. Quando internet ha preso altre forme sono nati i CSS, i DIV, gli standard per l’accessibilità ecc. Guardate il codice del portale, si fa un uso scandaloso delle tabelle, troverete tabelle dentro tabelle dentro tabelle, sembra un loop di tabelle. Con questo non voglio condannare chi ne fa uso, le utilizzo anche io ma per piccole cose, la mia prima esperienza in ambito web è basata su tabelle e fa bene il suo lavoro. Non le utilizzerei mai per realizzare un progetto di questo tipo. Altra nota dolente, il nostro amato portale ha diversi problemi di accessibilità (in tutti i sensi) e nel 2007, in piena era Ajax, Xhtml, CSS …. alias Web 2.0, viene presentato un sito non accessibile e ottimizzato per Internet Explorer e in generale per Windows, vedi Easy Web Browsing.

La prima cosa a cui ho pensato appena ho visitato il portale è che ha molte similitudini con Vista, il portale è arrivato in ritardo è costato uno sproposito e non ha nulla di innovativo o di particolare, anzi ha diversi problemi. Penso che chiunque si sarebbe aspettato un buon utilizzo delle tecnologie che vanno per la maggiore come i video (vi ricordo che la RAI è un ente semipubblico che possiede un archivio impressionante sulla storia del nostro paese), la multimedialità in generale e il WEB 2.0, abbiamo invece un portale in html 4.0 con tabelle a matrioska ottimizzato per Internet Explorer.

Per concludere il logo, costato 100000 euro non si è capito cosa vuole rappresentare, vedo un bianco come sfondo, una pallina rossa sulla i e una forma fallocentrica (by Daniele :)) che vuole sostituisce a T, complimenti all’ideatore.

Da questo momento inizia il mio periodo di offline forzato, causa trasloco (dovrebbe essere quello definitivo) attendo che la nostra amata telecom svolga il suo lavoro. Seguirò il blog e la vita digitale di sfuggita da lavoro non abbandonerò completamente la blogsfera, a presto.

Advertisements

One thought on “Italia.it : la mia opinione sul sito del “paese di qualità”

  1. Its like you read my mind! You appear to know a lot
    about this, like you wrote the book in it or something.
    I think that you can do with some pics to drive the message home a little bit, but instead of that,
    this is wonderful blog. A great read. I’ll certainly be back.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...